News dai mercati - Tra euforia e prudenza

“Prudenza” credo sia la parola più adatta da usare in questo periodo.
La motivazione? Euforia (troppa euforia, vedi casi come GameStop, grafico sotto).

Figura 1 - Elaborazione: Colazione a Wall Street

Troppo spesso il trading (e più in generale il mondo degli investimenti) viene scambiato per una specie di gioco o di "guerra" contro chissà quali nemici. In realtà molto più semplicemente, se ci riflettiamo bene, i guadagni che si realizzano (quando si realizzano) sono più un mezzo per un fine, che è magari regalarci una vita migliore, aiutare le persone a cui vogliamo bene, fare beneficienza, cose così.

Ecco quindi che in tutta questa euforia alcuni segnali cominciano tuttavia a non tornare (vedi Figura 2 - divergenza tra indice e RSI 14), ma potremmo anche andare a vedere il rapporto A/D per notare come l'inclinazione non sia così favorevole (pochi titoli praticamente stanno tenendo su i prezzi), direi "quasi" i soliti noti tra i FAANG (acronimo che sta per Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Google).

Si tratta cioè di alcune delle principali società del comparto tecnologico americano e sicuramente quelle che negli ultimi anni hanno registrato i rialzi più importanti, diventando dei dominatori nei loro mercati.

Figura 2 - Elaborazione: Colazione a Wall Street

Vogliamo parlare di uno dei pochi indici positivi da fine anno, e cioè il Russell 2000? Bene, guardate le performance dei 30 titoli più scambiati e guardate il resto dell'indice, troverete le stesse dinamiche dell’indice S&P500 visto sopra (pochi titoli che muovono la maggior parte dell’indice) solo molto più accentuate.

Quindi ancora una volta, prudenza, ulteriori cali su S&P500 sono da monitorare in zona 3500 punti (vedi Figura 2. sopra), vicino soprattutto alla media mobile semplice a 30 settimane (linea azzurra sottile) su timeframe settimanale, quello è uno dei livelli di attenzione maggiore.

Poi, come dico sempre, si vedrà. Nessuno prevede il futuro e l’analisi tecnica non dovrebbe “anticipare” ma essere usata per assecondare le tendenze già in atto.

Operativamente, si tratta nella maggior parte dei casi di agire tatticamente (tramite alcuni accorgimenti nel portafoglio su orizzonti da qui ai prossimi 6-12 mesi) per farsi trovare pronti su eventuali correzioni (se non peggio) che prima o poi vedremo, il resto lo scopriremo solo vivendo...ma con prudenza!

Articolo a cura di Colazione a Wall Street, questa pubblicazione e le fonti riportate sono frutto esclusivo dell'esperienza e del libero pensiero dell'autore. Oval Marketplace non fornisce consulenza finanziaria, il tuo capitale è a rischio, le performance passate non sono indicative della rendita futura.


Altri articoli in Investire