1. Inside Oval

Oval People: 1 anno in Oval per Mattia, Sviluppatore Front-End


Abbiamo una prassi per l'onboarding in Oval che consiste nel chiedere ad ogni nuovo dipendente una breve descrizione di sé per presentarlo al resto del team. Quella che Mattia ci ha inviato citava una passione per la tecnologia e per il buon cibo.

Il suo primo giorno è stato più che coerente con questa descrizione: si è presentato con 2 vassoi di cornetti per la colazione e pane, salame, vino e formaggi per l'aperitivo! La sua passione per la tecnologia era già emersa durante il colloquio ma si è palesata il secondo giorno di lavoro quando è arrivato a bordo di una monoruota elettrica, che sembrava arrivata dal futuro!

Un anno di Mattia, in numeri:

📀 1000+ km percorsi in monoruota
⚽️ 10 partite di calcetto organizzate
🔀 9 design pattern dominati
📲 358 modifiche all'app



1. Che idea avevi di Oval prima di entrare nel team?
Mi intrigava molto Oval in quanto mi dava l'idea di una realtà quasi non italiana sia per innovatività del prodotto e sia per come si poneva all'interno del mercato.

2. Dopo un anno in Oval, questa idea com’è cambiata?
Non è cambiata! Penso che Oval rimanga un prodotto molto innovativo che continuerà a migliorare ulteriormente nel corso del 2020.

3. Quale è stata la sfida più grande che hai affrontato in quest'anno in Oval?
È stata immergermi in un ambiente lavorativo completamente diverso da quelli a cui ero abituato: avendo lavorato principalmente per aziende enterprise per me il mondo delle startup era sconosciuto... ma affascinante!

4. Quale aspetto del team ti ha colpito arrivando in Oval e perché?
Sicuramente l'affiatamento dei miei attuali colleghi verso lo sviluppo del prodotto: sono i primi utenti di Oval, ma anche beta tester esigenti :)

5. Cosa volevi fare da grande?
La passione per l'informatica è stata forte fin da quando da piccolo ho iniziato ad usare i primi computer. Non ho fatto informatica all'università, ma solo perché scalpitavo per iniziare a lavorare!

6. Qual è stato il regalo migliore che hai mai ricevuto? E il peggiore?
Potrei dire un computer, ma in realtà il regalo migliore è stato un modellino di Morte nera: essendo un fan di Star Wars era davvero il massimo! Il peggiore? I vari ciapapuer (n.d.r.: letteralmente cattura-polvere, indica i soprammobili).

7. Cosa caratterizza la tua scrivania? Cosa non vi può mancare?
La mia scrivania è ormai famosa per la presenza di una statuetta del mio animale guida... la capra! Questo animale è associato alla volontà di salita alla vetta e alla saggezza evitare tutti gli ostacoli sul suo cammino.

8. Ti rivedi in questi superpoteri?
Abbastanza! Quello che considero il mio punto di forza è trovare soluzioni a problemi semplici ma soprattutto manutenibili. A pensarci bene anche mettere d'accordo almeno una decina di persone per organizzare le partite di calcetto è un superpotere!

9. E qual è la tua più grande debolezza?
Dovrei essere meno critico, a volte esagero (ma ci sto lavorando su)

10. Raccontaci di uno dei tuoi momenti più emozionanti in Oval.
Sicuramente il retreat di Lisbona! Avere la possibilità di viaggiare con tutto il team e conoscersi meglio è un'opportunità che pochi posti ti possono offrire.

11. Se potessi vivere in qualsiasi posto, dove andresti?
Andrei in Islanda, un posto magico e fuori dal mondo, magari continuando a lavorare per Oval da remoto!

12. Per cosa sogni di essere ricordato?
Mi piacerebbe dare un contributo effettivo al mondo dell'informatica, soprattutto nel mondo Javascript. So che non è facile lasciare una traccia vista la moltitudine di persone che lavorano in questo ambito, ma se si parla di sogni mi è lecito dirlo!

Scarica l'app

#BeMoneyWise

App Store Google Play