Start Now, Download Oval. App Store Google Play

Discover tips and tricks on how to save and invest money by Oval Money

Anche se -quasi- non ce ne rendiamo conto, vivere in Italia è una fortuna non da poco. Ognuno di noi si trova a pochi chilometri da qualcosa di bellissimo, sia questo una città d’arte, una montagna, un lago o il mare. Altro plus: qualunque sia il luogo di partenza, la meta non è mai troppo lontana.

Non solo: spesso, alcuni dei tesori nascosti d’Italia sono del tutto gratis (per non parlare di piazze, chiese e monumenti che riempiono le nostre città-museo come Firenze, Siena, Roma…).

Così, se quest’estate vuoi salvaguardare i tuoi risparmi e non hai progettato grandi viaggi, ma non vuoi neanche rinunciare a bellissime avventure, qui trovi un elenco (molto incompleto in verità: potrebbero esserci di migliaia di voci) di attrazioni e divertimenti da vivere in Italia del tutto gratis -o quasi.

Potrai goderti esperienze fantastiche e nel mentre accumulare il denaro risparmiato in Oval, completando anche qualche missione della nuova 5.0. Meglio di così!

1.Il labirinto più grande del mondo

Il Labirinto della Masone, a Fontanellato, è il più grande del mondo: tre chilometri di corridoi su un’area di 70 mila metri e vi permetterà di perdervi tra 200 mila piante di bambù di specie diverse. Aperto tutto l’anno, l’ingresso costa 18 euro e dà accesso anche alla bellissima tenuta e collezione di Franco Maria Ricci, ricca di arte e volumi antichi.

Portatevi un gomitolo di lana come Teseo, e buona fortuna!


2. La fontana di vino di Ortona

In Abruzzo, c’è una fontana da cui zampilla Montepulciano d’Abruzzo. È gratis. Davvero! Ma non solo: si trova lunga il Cammino di San Tommaso, una specie di versione in miniatura del Cammino di Santiago che attraversa gli Appennini, da Roma all’Adriatico. Il cammino si può percorrere in 15 giorni e consente, a chi lo fa, di esplorare un lato poco conosciuto dell’Italia vivendo una vacanza indimenticabile, ricca di di scorci bellissimi sul Gran Sasso e, per chi lo sente, anche di fede.

Il tutto, senza spendere più di 30 euro al giorno.

3. Bungee Jumping

Buttarsi da 75 metri dal ponte Valgardena, poco lontano da Vicenza, e poi tornare sù. Te la senti? Costa 100 euro, bisogna prenotare, e avere tanto (tantissimo) coraggio.

Se non ti manca il coraggio ma ti è scomodo arrivare fino al Veneto, ci sono soluzioni alternative: Bungee Center di Veglio-Biella (Piemonte), dove ci si lancia dal  dal ponte della Pistolese , alto 152 metri (sempre 100 euro) oppure Bunjee Jumping Abruzzo al Parco della Majella di Caramanico Terme (Abruzzo), per lanciarsi dal Ponte di Salle, alto 104 metri (80 euro).


4. Visitare la “fabbrica di cioccolato”

La Casa del cioccolato Perugina, di Perugia, è una delle più affascinanti fabbriche che ti capiterà di visitare. Non ci sono gli umpalumpa, ma distese enormi di cioccolato, di ogni forma e gusto. Il tour prevede un giro al museo storico, alla fabbrica vera e propria e, ovviamente, una degustazione. L’ingresso costa appena 9 euro.

5. Bagnarsi in una vasca termale surgiva e gratuita

Poco lontano da Grosseto ci sono le terme di Saturnia, le più famose d’Italia e forse d’Europa: delle bellissime vasche di acqua sorgiva termale. L’ingresso è gratuito e libero, l’esperienza alle “Cascate del Mulino” indimenticabile.

Se però cerchi qualcosa di meno noto e lontano dalla folla di Saturnia, non avrai che l’imbarazzo della scelta.

Sempre nel Grossetano si trovano le terme libere di Petriolo, e poco più a sud, vicino a Castiglione d’Orcia, si trovano le bellissime terme gratuite dei Bagni San Filippo, famose per la loro ‘cascata immobile”, come viene chiamato l’accumulo di calcare che sembra una montagna di neve e circonda la vasca.

In Calabria, invece, si trova la Grotta delle Ninfe (o Terme di Cerchiara), sul fondo di una specie di canyon nel quale l’acqua sgorga direttamente da una grotta.

6. Spulciare tra i libri della Libreria dell’Acqua Alta a Venezia

Se ami i libri e tutta la suggestione che si portano dietro, allora non potrai che amare la libreria dell’Acqua Alta, uno dei posti più incredibili di Venezia. Si tratta di una piccola, ma fornitissima, libreria, affacciata direttamente sull’acqua. Lì i libri, molti dei quali antichi, sono disposti un po’ come capita, ovunque possano stare al riparo dall’acqua.

Non solo. Per evitare che si bagnino, il libraio, il gigante buono Luigi, ha disposto i libri in gondole, bacinelle, vasche: insomma qualunque cosa possa galleggiare, così che se si alza l’acqua i libri siano al sicuro. Ciliegina sulla torta, la scala fatta di vecchie enciclopedie. E il fatto che i turisti questo posto non lo conoscono.

L’ingresso è gratuito. I libri, quelli si pagano :-)

7. Guardare l’abisso agli Orridi di Uriezzo in Val d’Ossola

Gli orridi di Uriezzo sono un complesso di canyon tra i più profondi d’Europa. Si tratta di profonde gole scavate nella roccia nel corso di milioni di anni da cascate e correnti che oggi non esistono più, e che permettono di visitare i canyon dall’interno. L’ambiente più spettacolare è quello dell’Orrido Sud, lungo circa 200 metri e profondo da 20 a 30 metri.

8. Bere un aperitivo a Bagno Vignoni

Non è da tutti avere, al posto della piazza principale del paese, una bellissima e antica (è del 1500) vasca di acqua sulfurea. Succede a Bagno Vignoni, uno dei borghi più belli e suggestivi d’Italia, a pochi chilometri da Pienza e Siena.

9. Visitare la Grotta Bianca

La Puglia non è solo mare e pizzica. E’ anche terra delle grotte più grandi d’Europa, le grotte di Castellana. Lunghe più di tre chilometri a circa 70 metri di profondità. L’ingresso costa 16 euro, e la visita dura circa un’ora. Niente Instagram però: lì dentro sono severamente vietate le foto, perché i flash danneggiano le stalattiti.

10. Visitare gli alberi più belli e antichi d’Italia

Sparsi per l’Italia si possono trovare alcuni tra gli alberi più belli e maestosi d’Europa. Tra questi, il più celebre si trova nel pieno centro di Palermo, in Piazza Marina. Si tratta di un Ficus alto più di 30 metri (un palazzo di 10 piani, per intenderci) la cui circonferenza supera i 20 metri, cosa che gli è valsa il nome di albero più grande d’Italia.

Poco lontano, a Sant’Alfio in provincia di Catania, si può ammirare U Castagnu di li Centu Cavaddi, che secondo i biologi ha circa 4000 anni. In Sardegna, invece, si trova S'Ozzastru, un ulivo la cui circonferenza è di circa 20 metri, per un altezza di 15 metri.

11. Volare sospesi sulle alpi

Una ZipLine è, in buona sostanza, un cavo d’acciaio sospeso tra due punti con quote differenti al quale ci si aggancia per una veloce discesa che regala la sensazione del volo libero. Quella sul Lago Maggiore è una delle più spettacolari d’Italia: parte da Pian d’Arla (1.307 s.l.m.) e arriva all’Alpe Segletta (960 s.l.m.).

L’ingresso costa 35 euro e, se ti agganci al suo cavo, proverai l’emozione di volare, percorrendo 1850 metri in un minuto e mezzo. Il che significa circa 120 chilometri all’ora. Tieniti forte!

Scarica l'app

#BeMoneyWise

App Store Google Play