(English version)

alt](https://itunes.apple.com/app/apple-store/id1111522190?pt=118210427&ct=Banner_top&mt=8)

Come avrete immaginato, sono ossessionato dal trovare sempre le migliori offerte. Sapere di aver risparmiato e ottenere lo stesso prodotto o servizio mi rende più felice di un bambino in un negozio di caramelle (gratis): sconti sulle cene, biglietti del cinema nei giorni in cui costa meno, servizi in prova senza poi rinnovare, insomma tutto ciò che non è a prezzo pieno.

La questione dei contratti telefonici è delicata, ci sono tantissime persone molto brave ad approfittare di questo tipo di offerte. Come linea generale cerco sempre di comparare tutte le offerte possibili sul mercato e valutare la qualità della rete con cui vengono offerti i servizi (se proprietaria o in affitto), ma ci sono tre tattiche che mi sono sempre tornate molto utili.

1. Capisci il tuo potere come consumatore

Siglare un contratto con una compagnia telefonica significa spesso accettare di diventare loro clienti per almeno un anno (altre volte almeno due o tre), durante il quale alla società sarà garantita un’entrata sicura e senza rischi. Per questo motivo abbiamo molto potere dalla nostra parte e non dobbiamo aver paura di usarlo per negoziare. Possiamo, ad esempio, prendere le offerte di un concorrente e usarle per ottenere dei servizi aggiuntivi. Non dimentichiamoci che le persone con cui chiudiamo i contratti sono venditori, hanno l’ordine imperativo di farci firmare il contratto.
Questa tecnica funziona anche se siamo già clienti; non dobbiamo aver paura di rescindere il contratto da un momento all’altro e cambiare operatore. In molti casi, quando si cambia operatore si possono ricevere delle nuove offerte da parte della vecchia compagnia proprio per non farci andare via: sfruttiamo quindi le offerte di retention del cliente!

2. Scegli sempre l’opzione con l’upgrade

I grandi operatori in particolare offrono sempre l’opzione di sostituire il telefono con un modello nuovo dopo un periodo di tempo. Se poi siamo anche persone che si stancano in fretta meglio ancora! Generalmente i contratti che includono anche lo smartphone durano un paio d’anni e sappiamo tutti che dopo solo un anno inizierà già ad essere più lento (aumentando il rischio accidentale di urto contro il muro!).
Stiamo molto attenti invece ai piccoli e più economici operatori, di solito non prevedono questa opzione e potremmo quindi trovarci bloccati per tutta la durata del contratto senza possibilità di cambiare smartphone.

alt

3. Non sottoscrivere mai l’assicurazione per il telefono

So che per molti sembra contro intuitivo ma c’è il trucco. Tutti più o meno faremo un’assicurazione per la casa, la cosa che non tutti sanno è che in questa polizza potremo includere anche gli oggetti personali. Ci sono anche assicurazioni unicamente per gli effetti personali come computer, telefono o tablet e sono sempre molto più convenienti di quelle che vengono offerte quando si firma il contratto telefonico. In quest’ultimo infatti solitamente sono presenti molte clausole e soprattutto non coprono eventi come il furto o il danno da acqua; inoltre se l’evento è coperto in molti casi viene solamente rimborsata la riparazione e non la sostituzione. Peggio ancora potrebbero costringerci ad accettare un telefono rigenerato o di seconda mano!

Al giorno d’oggi usiamo gli smartphone talmente tanto da essere considerati un’estensione di noi stessi. Vale quindi la pena di investire un po’ di tempo per trovare l’offerta migliore!

...........................................................................

Tieni sempre sott’occhio le tue spese con Oval Money e accumula i risparmi...automaticamente

alt
Hai uno smartphone Android? Scarica l'app ed entra nella lista d'attesa alt

#BeMoneyWise ;)